Via ai lavori per il nuovo porto turistico a Livorno, investimento da 15 mln di euro

Scritto il 28/03/2024
da Redazione

Iniziano i lavori di costruzione del nuovo porto turistico di Livorno per un totale di 815 posti barca e un investimento stimato che si aggira sui 15 milioni di euro.

Saranno Azimut Benetti, leader globale del settore nautico, e D-Marin, gestore di una selezione delle migliori marine al mondo, a dare il via dunque all’intervento per il nuovo marina che diventerà una delle più importanti destinazioni del Mediterraneo. I lavori per step cominceranno a metà del 2024, per arrivare alla metà 2026 alla realizzazione completa. Il progetto è stato presentato questa mattina nella sala delle cerimonie del Comune alla presenza del sindaco di Livorno Luca Salvetti, di Massimo Vitelli, fondatore di Azimut Benetti e di Nicolo, Caffè direttore generale di D-Marin Italia. Nel progetto -, che prevede il rinnovamento delle banchine della Darsena Nuova e del Mediceo, la stesura dei nuovi pontili, la realizzazione di spazi incontro e strutture di intrattenimento con più di 280 mq riservati a ristoranti e bar e 250 mq a uffici -, saranno utilizzati elementi naturali come alberi e siepi al posto delle recinzioni, pannelli solari e un sistema di recupero delle acque piovane per l’irrigazione delle aree verdi. “Venti anni fa questa città – ha detto Salvetti – si è trovata a cambiare la visione del comparto del vecchio Cantiere Orlando, da una parte oggi c’è Azimut che produce yacht e che ogni giorno impiega più 2mila persone al lavoro, poi la seconda rivoluzione che è la parte commerciale e residenziale con la galleria delle Officine storiche, e ora il terzo tassello, quello del porto turistico che dobbiamo avere la forza di immaginare in modo diverso: un progetto che fa veramente fare salto di qualità alla città che ci permetterà di avere nuovi ingressi di persone da fuori e che allo stesso tempo sarà a servizio dei livornesi”. “Siamo arrivati alla conclusione di questo progetto che sogno da vent’anni – – ha detto Vitelli -. Qui abbiamo il più bel cantiere del mondo, mancava il porto il che non significa solo porto turistico, ma aver dato sistemazione a soggetti che stavano in situazione precaria ovvero Yacht club, Marina militare e Lega navale. Vivranno in un contesto internazionale, positivo e innovativo. Il sindaco è stato straordinario in questi cinque anni, ha capito il progetto di abbellimento della città. A gestire il porto turistico sarà D-Marine che sta creando una catena di porti e nel mondo ne ha 26”.